Orario delle Messe Archivio Album Calendario Info

Circolo Culturale Ozanam

Il Circolo ha sede in Roma, presso la Parrocchia San Saturnino, via Avigliana 3, ed è stato fondato nel 1956.

Si inserisce nel grande dialogo che la Chiesa del Concilio ha aperto con il mondo contemporaneo in un cammino di rinnovamento attorno alla centralità della persona, capace di tradurre in gesti concreti l'amicizia tra la fede, la carità e l'intelligenza. Mediante un impegno rigoroso di ricerca ed elaborazione culturale, il Circolo promuove iniziative per approfondire tematiche di grande rilievo che si presentano alla coscienza dell'uomo di oggi.

Oggetti delle nostre attività sono la formazione e la difesa della coscienza individuale e comunitaria. Per questo, accanto allo studio dei complessi problemi presenti nella società del nostro tempo, il Circolo Ozanam pone particolare attenzione alla promozione di eventi culturali riguardanti la dimensione territoriale per favorire, attraverso il metodo del confronto e del dialogo, la partecipazione responsabile e attiva alla costruzione del bene comune.

Le nostre iniziative mirano a realizzare prodotti culturali sotto forma di articoli, dibattiti, tavole rotonde e pubblicazioni, diretti al recupero di una dimensione storica che superi il contingente utilizzandolo come occasione.

Il Circolo è naturalmente inserito nella realtà parrocchiale, svolgendovi un ruolo di servizio, ricevendo stimoli e motivazioni.

Per una maggiore agilità funzionale, il Circolo può organizzarsi al suo interno in gruppi di studio formati in relazione a specifiche ricerche o iniziative. Tali gruppi, non pregiudicando l'unità del Circolo, possono svolgere attività di ricerca precedente e successiva alla formazione dei prodotti culturali.

Appunti su alcune attività svolte

Nel dicembre 2006, al termine della sua missione di parroco, tutti hanno riconosciuto che tra i meriti di Don Ottavio Petroni nei tanti anni di impegno pastorale nella Parrocchia di San Saturnino c'è stata anche la sua particolare attenzione alla promozione di iniziative di studio ed approfondimento di tematiche del nostro tempo per analizzare e capire come il cristiano vive la sua testimonianza di fede in una realtà in continuo movimento. In questa ottica nel 1988 incoraggiò la riattivazione del "Circolo Culturale Ozanam" quale continuazione spirituale di quello stesso Circolo costituito nel 1956 su iniziativa di un gruppo di studenti universitari ed animato da Don Antonio Penazzi per "esercitare quella libertà positiva che si accresce con la consapevolezza dei problemi e la coscienza delle proprie responsabilità".

È impresa ardua quella di rammentare in sintesi le diverse iniziative culturali intraprese in oltre venti anni di attività: tavole rotonde, incontri, dibattiti, indagini, articoli ecc. che hanno visto anche la partecipazione di autorevoli protagonisti della cultura, della scienza, dell'economia e della politica.

Il Circolo ha dedicato molta attenzione alla tematica della famiglia, in particolare alle problematiche giovanili con una "Indagine su disagi ed entusiasmi dell'adolescente di oggi", un "Cineforum per i giovani" e diversi incontri incentrati su argomenti scottanti come ad esempio la droga.

Il Circolo Ozanam ha inoltre elaborato una "Indagine sulla questione femminile", ma anche numerose altre iniziative tra cui si citano diversi incontri culturali svolti negli anni, quali ad esempio "La donna tra parità e differenza" (Costa, Mafai, Molari, Tarantelli), "La donna tra parità e diversità"(Bertani, Iervolino, Molari) ed una tavola rotonda su "La coppia e la famiglia tra crisi e trasformazione"(Dalla Torre, Dastoli, Verdone).

Altri incontri hanno riguardato la bioetica, come ad esempio "Dove va la scienza: la bioetica e l'uomo" (D'Agostino), "La nuova legge italiana sulla procreazione assistita" (D'Agostino), "Invito a saperne di più sulla fecondazione artificiale" (D'Agostino, Tarzia) oppure hanno riguardato i disagi sociali "La sofferenza nascosta: salute mentale e comunità locali" (De Rita, Losavio, Purpura, Visani).

Un argomento oggetto di particolare approfondimento ed analisi è stato quello riguardante l'economia ed il suo rapporto con l'etica. Prestigiosi relatori hanno presentato tematiche quali "Lo spirito del capitalismo ed il cristianesimo" (Prodi, Ruffilli,Tosato), "Economia oggi: protagonisti e problemi" (Abete, Ciampi, Morese), "Morale, attività produttive e realtà sociali" (De Rita), "Il cristiano: etica ed economia" (Flick), "Se e come progrediamo nella scienza, nell'economia e nel costume"(Bausola, Carli, Tecce), "Impresa, economia di mercato e solidarietà" (Caroli, Foglia, Scuro), "Economia aziendale e morale personale" (Abete, Capo, De Rita).

Sui concetti di carità e solidarietà sono stati dedicati diversi incontri, tra cui quelli su "Il cristiano tra carità e cultura: L'attualità di Federico Ozanam" (Dalla Torre, Guasco, Mezzadri), "La dottrina sociale della Chiesa nel magistero di Giovanni Paolo II" (Dalla Torre), "Deus caritas est: pace, giustizia e amore nel mondo d'oggi" (Pendinelli), "La dignità umana spesso a rischio: ignorata, offesa o calpestata" (Giovanni Maria Flick).

E' stata posta molta attenzione anche al tema della globalizzazione con riferimento al ruolo dell'Europa nello scenario internazionale, con interessanti ed attuali incontri su "L'Europa tra economia e cultura" (Ciampi), "Risposta dell'Europa agli interrogativi della globalizzazione sul rispetto dei diritti fondamentali" (Flick), "Arriva l'euro: cosa cambia nella nostra vita" (Ciampi) ed "Europa, Costituzione, terrorismo" (Flick).

La Costituzione italiana è stata oggetto negli anni di approfonditi studi ed analisi con l'ausilio di valorosi costituzionalisti, storici e politici, come negli incontri su "Una Costituzione da cambiare?" (Elia, Iotti, Gallo), "La Costituzione italiana: da attuare, da riformare o da contestare?" (Scoppola), "Una Costituzione da ripensare? Riflessioni sulla recente riforma costituzionale" (Casavola) ed "Il referendum sulla riforma costituzionale" (De Martin).

Sono state effettuate anche importanti riflessioni con una serie di incontri su "Società civile e comunità cristiana di fronte all'ultimo Concordato (Dalla Torre, Ruffilli, Scoppola, Monticone), nonché su "Il cristiano nell'attuale momento politico" (Sorge), "È più facile perdonare il peccato che la corruzione" (Giovanni Maria Flick), "La tradizione cristiana in Siria tra passato e presente" (Elia Essa Kas Hanna).

Sulla pace ed il dialogo interreligioso, i temi hanno riguardato "Il pensiero di Giovanni Paolo II sulla guerra e sulla pace" (Albanese), "Nord e Sud del mondo: due facce dello stesso problema" (Alvaro, Di Liegro, Donnarumma, Petrelli), "L'immigrazione in Italia: problemi e proposte" (De Rita, Di Liegro), "Testimonianze vissute sulla guerra in Terra Santa" (Zevini), "Nuove intolleranze, nuove identità" (Bucci, Colacicco, Colombo, Pittau), "Cooperazione, immigrazione, emergenza ambientale ed economica" (Alvaro, Di Liegro, Dommarumma, Petrelli), "Nuove vie di solidarietà: il commercio equo e solidale" (Frassinetti, Gala, Verde), "Testimonianze dall'Africa" (Albanese, Castellani) e "L'Islam nel mondo attuale"(Scattolin).

Non sono mancate analisi sulla realtà sociale e politica della città di Roma e del II Municipio con incontri e dibattiti che hanno riguardato "Il futuro di Roma e la partecipazione dei cittadini" (Di Liegro, Samperi), "Nella Roma metropolitana, il quartiere ai cittadini" (Ferrarotti, Samperi), "Camminiamo insieme: incontro con il II Municipio" (Saccone, Chiappetti, Modafferi) e "L'ambiente nel II Municipio" (Esposito). Il Circolo Ozanam ha elaborato anche, con il coinvolgimento delle istituzioni e della cittadinanza, rigorosi ed interessanti sondaggi di opinione su "I giovani nel quartiere Trieste-Salario" e su "I problemi di Roma e la partecipazione dei cittadini".

In occasione del centenario della prima guerra mondiale è stato organizzato un incontro per presentare il libro "La guerra dei nostri nonni (Aldo Cazzullo)" alla presenza dell'autore.

È stato preparato e distribuito nella primavera 2014 il questionario per conoscere i mutamenti sociali nel territorio parrocchiale.

Tutto quanto sopra descritto, sicuramente in modo disordinato ed incompleto, è stato realizzato con la partecipazione importante sul piano qualitativo e quantitativo dei soci del Circolo e degli abitanti del quartiere, ma anche con il costante incoraggiamento da parte di Don Ottavio e Don Marco. Decisivo è stato il suo insegnamento che l'evangelizzazione, liberazione integrale dell'uomo, comprende anche la promozione umana, con la conseguenza di respingere la tentazione di una spiritualità intimistica ed individualista che non risponda alle esigenze della carità. Appare pertanto di particolare valenza spirituale ed etica l'impegno del Circolo a sviluppare, in piena libertà ed autonomia di laici, tematiche che riguardano l'uomo per contribuire a formare la consapevolezza che i valori cristiani vanno testimoniati concretamente, rifiutando qualunque forma di indifferenza e di rassegnazione.

Per rendere omaggio alla preziosa opera svolta, l'impegno del Circolo Ozanam è di proseguire, con spirito di servizio, l'attività culturale sul cammino tracciato, confidando, oltreché nell'assistenza e nel sostegno spirituale del nuovo parroco Don Marco Valenti, anche nel sostegno spirituale di Don Ottavio.

Contatti

Anna Marcon:
Bruno Moriconi:
 
Pagina iniziale